giovedì, Luglio 29 2021

Quante volte guardando la foto di una modella rimaniamo abbagliati dalla loro irraggiungibile bellezza!

Del resto la maggior parte delle foto di questo genere sono destinate ad un uso commerciale, ci devono porre nella condizione di considerare bello, buono e desiderabile, in qualche modo mitico, essenziale per il nostro benessere, un prodotto.

Che si tratti di un abito, di un profumo, di un accessorio o di qualunque altra cosa il meccanismo è sempre il medesimo. Lo spiega bene Baumann in “vite di corsa”, peraltro partendo proprio dal commento di una pubblicità. Secondo lui ogni acquisto è una nuova creazione, un nuovo Big Bang, poco importa poi quale esito abbia. Infatti saremo proiettati verso un altro acquisto e un nuovo inizio, senza avere il tempo di riflettere su quelli già compiuti. Vite di corsa è un testo davvero consigliatissimo, piccolo, facile e di grande modernità.

Nel mio caso, nel febbraio 2021 ho frequentato insieme a Gabriele, mio figlio più giovane, un corso di ritratto presso l’ISFCI di Roma.

A conclusione di questo modulo abbiamo fatto una sessione con due modelle, Vittoria e Joana. Giovanssime modelle!

Sono stato il primo del corso a scattare con Vittoria, nella foto. Ora, la questione – e in fondo la sfida – era semplice: o la trattavo da modella, in fondo da dea, o cercavo di far emergere ciò che vedevo una bellissima donna, poco più che bambina.

Ebbene – ovviamente – la mia scelta è andata in questa seconda direzione, ho cercato di dirigerla evocando in lei esperienze di scuola e di ricreazione, di gioco e di fanciullezza, fino a selezionare questo scatto, in cui in primo piano notiamo la mano, perché dalle mani si nota tanto delle persone. Una mano fanciulla, arrossata dal freddo, priva della nodosità delle persone mature. Una mano che vela il sorriso di un pensiero quasi scabroso per una modella, per quanto in erba…

Ma che stava pensando Vittoria in quel momento? Beh, se non ricordo male alla pizza! Ebbene sì, per strapparle quel sorriso spontaneo e velato è bastato evocare il suo cibo preferito!!

Grazie davvero Vittoria per questo bel momento di fanciullezza!!

Impostazioni di scatto:

  • Camera: Canon eos R6
  • Impostazioni: 1/125 sec a f/22 ISO 100
  • Obiettivo: Canon EF 70-200mm f/4L USM a 200mm
  • Data di scatto: 17 febbraio 2021 ore 19.47
Previous

Cineto Romano

Next

Colpo d'occhio a Pisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also