domenica, Maggio 26 2024

Nel fervore degli Europei di Nuoto LEN del 2022, mi sono trovato ad essere non solo testimone, ma narratore visivo di una pagina storica dello sport. In qualità di fotografo più giovane accreditato, ho avuto l’onore e la responsabilità di catturare i momenti che definivano lo spirito e l’entusiasmo di questi campionati. Con la mia Canon EOS 1DX in mano, ho fissato l’obiettivo su una scena che parlava più di mille parole: un giovane atleta in procinto di aggiungere la sua firma al muro dei campioni.

Con un ISO elevato a 8000 per affrontare la sfida di un’illuminazione capricciosa all’interno del palazzetto, ho regolato l’apertura a f/4, permettendo di mantenere il focus sul soggetto mentre un tempo di esposizione di 1/320 di secondo immortalava l’istante con precisione. La scelta di scattare a 64mm mi ha permesso di catturare non solo l’atleta e la sua azione ma anche di abbracciare il contesto, intriso della tensione e dell’eccitazione proprie dell’evento.

Nella foto, l’atleta, con la maglia nazionale, si apprestava a lasciare la sua firma, un gesto che sembrava sigillare un patto tra lui e la storia del nuoto. Era un attimo carico di aspettative, un sottile filo che legava il passato di gloriosi trionfi alle promesse del futuro. Ogni firma sul quel muro era una testimonianza di sogni e di dedizione, e il mio compito era quello di fissare quell’attimo per l’eternità.

Sentivo il peso del mio ruolo, cosciente che le mie fotografie avrebbero contribuito a raccontare la storia di questi atleti coraggiosi. Ogni scatto era un tributo alla loro passione, un racconto visivo del loro viaggio, una celebrazione della loro forza e del loro impegno. E in quel preciso istante, mentre l’atleta posava la punta della penna sul pannello, ero lì ad osservare, a documentare, e ad imprimere la scena nella memoria collettiva.

Questa esperienza agli Europei LEN 2022 non è stata solo un’esposizione della mia abilità fotografica; è stata una lezione di vita, un assaggio dell’energia pura che solo lo sport di alto livello può offrire. Mentre rivedo questa immagine, posso ancora sentire l’eco delle acclamazioni, posso ancora vedere la determinazione negli occhi degli atleti, e posso ancora percepire l’atmosfera elettrica che pervadeva il luogo.

Con quest’articolo, e con ogni fotografia che ho scattato, spero di aver catturato l’essenza di ciò che significa competere, rappresentare la propria nazione e lasciare un segno indelebile nella storia dello sport. E così, con orgoglio e un pizzico di umiltà, condivido questo frammento di storia attraverso la mia lente, una storia di speranza, di gioia e di ambizioni senza confini.

Previous

TRA CIELO E TERRA: LO ZUCCHERIFICIO DI RIETI

Next

Men at work

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also