martedì, Giugno 25 2024

Sedetevi, prendetevi un momento, e lasciate che vi porti indietro nel tempo, a quella serata in cui il cielo sembrava un mare in tempesta di colori infuocati. L’ultimo atto del sole, prima di scomparire dietro l’orizzonte, era di dipingere il mondo con un pennello intriso di luce dorata, una luce così palpabile che avreste potuto raccoglierla nelle mani. E io, con il mio fedele compagno di avventura, il DJI Mavic Mini 2, ero lì, pronto a catturare l’incontro tra la terra e il cielo.

Con le dita delicate sull’acceleratore, ho guidato il mio drone nell’aria rarefatta del crepuscolo. Avevo impostato la camera su ISO 100, con un’apertura di f2.8 e un tempo di scatto di 1/200s – una triade perfetta per abbracciare la scena senza perderne un granello di verità. La lente del drone, un 20.7mm equivalente al full frame, era l’occhio attraverso cui aspiravo a condividere con voi questo quadro vivente.

Quando il drone ha raggiunto la posizione ideale, il paesaggio si è svelato in tutta la sua gloria. C’era questa strada, un serpente d’asfalto che tagliava il bosco, una striscia luminosa avvolta dall’oscurità degli alberi. Era una scena di contrasti, di luce e ombra, di calore e freddo, di movimento e quiete. E nel momento in cui ho scattato, sapevo di aver raccolto qualcosa di speciale.

Tornato al calore del mio studio, ho intrapreso il processo di postproduzione con un senso di sacralità. Era qui che l’immagine avrebbe trovato la sua vera voce. Ho modulato i colori, affinato i dettagli, bilanciato le luci e le ombre per trasformare quei pixel in un racconto che speravo poteste sentire tanto quanto vederlo. La postproduzione non era un mero atto tecnico; era come tessere una storia, parola per parola, fino a che non si potesse fare a meno di ascoltarla.

Quest’immagine che vi presento non è solo un ricordo di quel tramonto, ma un invito. Un invito a ricordare che, non importa quanto siamo presi dalla frenesia della vita, esistono questi momenti magici di pura bellezza. Sono lì, nascosti in piena vista, aspettando solo di essere scoperti e, grazie alla fotografia, condivisi. Ecco, questo è il dono che vi porto: un frammento di eternità, un momento sospeso, un respiro della terra, tutto catturato per voi, per noi, in un battito d’ali di un drone nel cielo del tramonto.

Previous

Il Fara Film Festival

Next

Al di Sopra delle Nuvole: Il Respiro della Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also