martedì, Ottobre 26 2021

Dei tuffi ho già parlato raccontando di un altro scatto, questo.

Ebbene, dopo lo stop dovuto al COVID abbiamo ricominciato a far gare. Una delle prime è stata a maggio 2021, di nuovo al centro federale Giulio Onesti dell’Acqua Acetosa a Roma.

Questa volta avevo la R6, che volevo assolutamente provare in ambito sportivo, e il mitico 85mm 1,4, meno adatto allo sport ma che volevo stressare un pochino, soprattutto alla massima apertura.

Complice il fatto che eravamo due ufficiali di gara addetti al computer, ho potuto davvero stressare l’R6 e il famoso riconoscimento dell’occhio in un contesto piuttosto difficile. E l’85 con lei.

Devo dire che i risultati di quello shooting sono stati davvero soddisfacenti, le mirrorless di questa fascia, si sa, non sbagliano un colpo e la mia non ha deluso le aspettative.

La piscina per Tuffi del Centro Giulio Onesti è molto interessante per gli aspetti grafici, infatti ha strutture squadrate, simmetriche e ben contrastate, che facilitano la composizione.

Da UG so più o meno quali sono gli atleti più bravi e ho imparato a scegliere bene il punto di vista migliore a seconda dei tuffi. In questo caso mi sono posizionato apposta in modo frontale, in modo da rendere simmetriche le linee di fuga e ho messo “in bolla” la macchinetta per rafforzare ulteriormente la percezione di equilibrio.

Devo dire che trovo straordinariamente interessanti i tuffi con avvitamento perché quando si congelano i movimenti, con tempi di uno o due millesimi di secondo, rimane congelata anche l’azione delle forze in gioco che danno un enorme dinamismo alla scena, come del resto nei salti mortali, quando gli schizzi dei capelli bagnati spesso disegnano traiettorie interessantissime che accompagnano il movimento degli atleti. Forse sono queste le ragioni per cui prediligo fotografare le gare femminili, i capelli più lunghi infatti, raccolgono più acqua e con la loro forma amplificano gli effetti che ho descritto.

In questo scatto l’Atleta nazionale Rebecca Tiberti, classe 2003, promessa dei Tuffi italiani che in quella gara si è aggiudicata il Bronzo. Finalista ai campionati italiani assoluti di Bolzano 2021 e podio nelle gare nazionali di categoria.

Devo dire che sono stato indeciso fino alla fine su come comporre questo scatto. Infatti a me appassionano parecchio le “simmetrie asimmetriche” e mi piaceva molto un taglio, quello della composizione originale, in cui si vedeva la tuffatrice decentrata e la colonna della piattaforma includeva anche un’altra concorrente che si accingeva a salire sula piattaforma. Quando però sono andato a rivedere lo scatto in Lightroom ho notato che questa composizione è molto, molto più pulita e forse comprensibile, l’ho sviluppata anche in bianco e nero e devo dire che l’accostamento cromatico del celeste della parte frontale della piattaforma con il celeste del costume di Rebecca mi emoziona di più, per questo trovo preferibile questa versione.

Vorrei concludere con un forte in bocca al lupo a Rebecca e a tutti i giovani atleti che per quasi due anni hanno dovuto ridurre se non sospendere gli allenamenti e che stanno ripartendo alla grande.

In bocca al lupo ragazzi!!!

Dettagli dello scatto:

  • Camera: Canon EOS R6
  • Impostazioni: 1/1600 sec a f/1.4 ISO 640
  • Obiettivo: Canon EF 85mm f/1.4L IS USM
  • Data di scatto: 9 maggio 2021 ore 11.56
Previous

il mio amico Albert

Next

dove scattiamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also